// Stai leggendo ...

Software

Voip su sistemi Linux: tra presente e futuro

Le distribuzioni linux cominciano ad avere sempre più presa anche presso l’utenza desktop. Cerchiamo di capire cosa offre attualmente il “pinguino” per quanto riguarda la voce che viaggia su IP.

Negli ultimi mesi ho gradualmente “switchato” con grossa soddisfazione tutti i pc di casa, ed il mio notebook personale, ad Ubuntu Linux, tanto che la cosa, cominciata un pò per gioco (nell’ hotel presso cui lavoro dovevamo dismettere una macchina su cui girava win98), ultimamente è finita con il divenire il mio hobby principale.

Durante questi mesi di format, install, kernel panic, ricompilazioni ecc ecc, ho imparato ad “amare” ed apprezzare il pinguino, ma ne ho anche cominciato a conoscere alcuni attuali limiti in ambito Desktop, che specialmente sul fronte VOIP sono piuttosto evidenti.

IL PRESENTE: EKIGA

Oggi, in quasi tutte le distribuzioni basate su Desktop GNOME, il client Voip “ufficiale” è EKIGA (ex. Gnomemeeting), un’ applicazione sulla carta molto promettente, ma che attualmente non riesce a tenere testa alle alternative presenti per altri OS (windows in primis).

Il client infatti gestisce sia il protocollo SIP, che l’ H.323 (per effettuare videochiamate) ai quali affianca anche funzioni di chat testuale: un applicazione a “tutto tondo” dunque, capace di soddisfare le necessità anche del’utente più esigente.

Purtroppo però, è nell’utilizzo di quotidiano che questa potenziale “killer application” mostra tutti i suoi attuali limiti di gioventù: il supporto SIP è ancora piuttosto immaturo (spesso risulta difficile registrarsi ai provider sip e, anche qualora ci si riesca, è quasi impossibile effettuare chiamate “outgoing”), inoltre sebbene Ekiga gestisca più provider contemporaneamente (come X-lite per win per fare un paragone), la “stringa” da digitare per effettuare le chiamate non è per nulla user-friendly. (numero_da_chiamare@sip_provider, ex. 59990@sip.liberailvoip.it).

Sul fronte videocall le cose sono poi ulteriormente complicate dal limitato supporto di linux alle web-cam usb (ma è proprio d’ oggi la notizia della raggiunta compatibilità con nuove 235 webcam a “basso costo”).

In conclusione direi che Ekiga lascia intendere quel che potrebbe essere solo all’interno della sua rete “proprietaria”: rapido, funzionale e senza troppi fronzoli.Peccato!!

Ho quindi provato diversi software ( reperibili a questo indirizzo), nella speranza di trovare “qualcosa” che rispondesse alle mie esigenze, ma purtroppo non ho trovato nulla di realmente soddisfacente: la maggioranza dei progetti infatti è stata abbandonata o non viene più sviluppata da un pò, ha funzioni limitate, o non si integra per nulla con il nostro desktop (librerie KDE che si mescolano a quelle Gnome, mancato rispetto della specifica GTK2 eccecc).

“Tra le lacrime” ed in attesa di tempi migliori, ho quindi installato Skype (l’unica applicazione realmente funzionale, anche se “monca” del supporto video) in accoppiata con la versione windows di X-lite (grazie a wine). Funziona, ma sono infelice :(

IL FUTURO “roseo” : TELEPATHY

Già il nome mi piace: Telephaty. Questo framework basato su D-bus (e dunque pensato sia per GNOME che per KDE) mira ambiziosamente a far dialogare QUALUNQUE APPLICAZIONE con QUALUNQUE PROTOCOLLO (dal sip ad irc, passando per Jabber e Msn). PAURA !!!!

Penso proprio che se Telephaty mantiene tutte le promesse la soluzione “finale” per integrare presence online, Instant messaging, video chiamate e voip in un unica applicazione parlerà ancora una volta l’universale lingua dell’ open-source :)

Con buonapace di quanti allora non saranno ancora passati al pinguino :P

Commenti

commenti


I commenti all'articolo

1 commento for “Voip su sistemi Linux: tra presente e futuro”

  1. [...] altro potrebbe creare qualcosa di “nuovo”, semplice, accattivante, magari capace di far dialogare diversi programmi tra loro, o unire diverse tecnologie (mobili e “fisse”), presence online (se ho msn [...]

    Commentato da Skype: sms a metà prezzo fino all’ 8 maggio » Libera il VoIP | maggio 3, 2007, 23:45 |

Lascia un commento

Devi essere autenticato per lasciare un commento.