// Stai leggendo ...

Tariffe

Esordio per Blyk: la compagnia mobile che regala traffico in cambio di spot

blyk.jpgRispettando in pieno i tempi previsti è nata Blyk: la prima compagnia di telefonia mobile “ritagliata su misura di teenager” che regala telefonate ed sms ai propri utenti in cambio della ricezione di messaggi pubblicitari.

Alla fine Pekka Ala-Pietila (ex presidente di Nokia) è stato di parola ed ha fatto esordire sul mercato inglese Blyk: il primo operatore mobile MVNO (virtuale) ad offrire traffico telefonico gratuito ai propri utenti in cambio della ricezione di sms ed mms di pubblicità.
Il servizio dell’operatore è rivolto ai residenti in UK che abbiano tra i 16 ed i 24 anni (ammazza e come mi sento vecchio:P) e dispongano di un cellulare “unlocked” abilitato alla ricezione di MMS.
Per ora è possibile ricevere una sim Blyk solo dietro invito (Google sembra aver fatto realmente scuola in questo) ed, una volta attivata, si potranno consumare gratuitamente ogni mese 43 minuti di chiamate e 217 sms verso qualsiasi direttrice del Regno Unito (il traffico “extra” è tariffato 10p/sms e 15p/minuto la fonia).

Come avevamo avuto modo di sottolineare in precedenza ci sono dei veri e propri “colossi” pronti ad investire in questa avventura (rete Orange ed inserzionisti del calibro di Buena Vista, Coca-Cola, I-play Mobile Gaming, L’ Oreal Paris, StepStone e Yell.com), che certamente tenteranno di aprire nuove interessantissime frontiere di marketing.
Ad onor del vero in passato questo “business model” applicato a vari operatori VOIP non è parso molto redditizio (ex. la sarda ChocoPhone), dunque non ci resta che vedere se “il finlandese” sarà in grado di rivoluzionare il mercato delle comunicazioni inglesi (per quanto deregolamentato e concorrenziale nessuna compagnia aveva ancora regalato traffico verso qualunque direttrice).

step12_loreal_cap.jpgInsomma Blyk entra “a gamba tesa” nel mercato UK con un’ offerta molto aggressiva, e che speriamo si riveli anche duratura: l’idea di “concentrare le proprie attenzioni” nei confronti di una fascia di età in cui si è facilmente suggestionabili potrebbe rivelarsi la carta vincente.

Commenti

commenti


I commenti all'articolo

2 commenti for “Esordio per Blyk: la compagnia mobile che regala traffico in cambio di spot”

  1. Anni fa c’era una compagnia telefonica che aveva lo stesso sistema qui in italia per chiamate non superiori a 3 minuti, ma non ebbe tanto successo. Invece credo che se applicato al campo della telefonia mobile soprattutto in una fascia di età compresa tra i 16 e i 24 anni sarà sicuramente un successo. Il problema principale, credo che sia, che in Inghilterra vadano di più gli abbonamenti che i ricaricabili.
    Chissà se la tariffazione è a scatti o al minuto, cmq i prezzi sono accettabili se sfori i 43 minuti. E’ evidente che è orientato ad un pubblico giovanile visto i 217 SMS al mese cioè poco più di 7 SMS al giorno.

    Linus

    Commentato da linus | febbraio 7, 2008, 18:34 |
  2. Ciao linus, mettiamola cosi: secondo me è un ottimo esperimento commerciale, alla fine, se ci pensi, è lo stesso principio applicato dalle tv “commerciali” o da google per i suoi servizi(è l’inserzionista che paga e non l’utente).
    Il limite di queste soluzioni applicate al voip sta nel “canale di trasmissione”:un messaggio preregistrato prima, durante o dopo la telefonata a mio avviso ha poco “potenziale attrattivo” (ti distrai o comunque sai che ci sarà la pubblicità quindi sei disattento al messaggio), mentre un mms o un sms sono mezzi molto più incisivi(tu istintivamente sei concentrato quando leggi un sms che ti è appena arrivato -anche perchè di norma la notifica non ti informa sul mittente-).
    Forse le cose potrebbero cambiare anche per noi una volta mature le soluzioni di videocomunicazione (asterisk dalla release 1.6 promette novità al riguardo) in cui la pubblicità si affianca/sostituisce/sovrappone all’immagine del tuo interlocutore.

    ciao
    Skumpic

    Ps. se ci prendo però vado a fare il responsabile marketing :)

    Commentato da skumpic | febbraio 7, 2008, 20:21 |

Lascia un commento

Devi essere autenticato per lasciare un commento.