// Stai leggendo ...

Asterisk

Fonality (i proprietari di TrixBox) tagliano con FreePBX (interfaccia grafica)

In un recente post apparso sul forum di supporto di Trixbox, noto e diffusissimo pbx asterisk, viene annunciata la fine della collaborazione tra Fonality (i proprietari del marchio Trixbox) e gli sviluppatori di FreePBX (l’interfaccia grafica della distribuzione). Da oggi le patch si fanno in casa….



In un lungo post (anche simpatico nei toni per la verità) gli sviluppatori di Fonality annunciano un netto ripensamento del rapporto di collaborazione con il progetto opensource FreePBX.
FreePBX, precedentemente conosciuto come Asterisk@Home, è l’interfaccia grafica utilizzata da Trixbox, componente fondamentale e, a mio avviso, chiave del successo del pbx.

Ma andiamo con ordine. Trixbox è un centralino pbx imperniato su software opensource: basato sulla distribuzione Centos, si avvale di Asterisk e dell’interfaccia grafica, rilasciata sotto licenza GPL, FreePBX per la configurazione ed il setup del sistema.

Alla Fonality lamentano di essere stati “di fatto costretti” a prendere questa “dolorosa” decisione a seguito del comportamento “intransigente” degli sviluppatori della gui grafica, rei, a loro avviso, di correggere i bugs e di implementare nuove funzioni solo dietro pagamento di denaro.

And, when we do dutifully report the bugs (in exhausting detail) back to FreePBX we oft get back a request for large tracts of money to fix the bug.

Vista l’insostenibilità della situazione, e le crescenti lamentele della clientela relative ai tempi di rilascio delle patch, in Fonality hanno deciso di assumere (o destinare, il passaggio non è chiaro) alcune persone per lavorare a tempo pieno allo sviluppo di diverse “patch-plus” che dovrebbero permettere alla software house di implementare più velocemente correzioni e nuove funzioni. “Patch-plus” rilasciate sotto licenza GPL.

Well, we no longer have to flip the blame for bugs and features. Now you can choke just us. :). Why? Well, about a month or two ago, we took the current FreePBX code and began aggressively (with several full time people) working to integrate the GUI, fix bugs, and add features.

Che non si tratti di un fork lo chiarisce la stessa azienda:

Question: is this an official fork?
Not really. We are utilizing what we call the patch-plus model (what we do with Asterisk, as well). This means that as future versions of Asterisk and FreePBX come out, we simply grab that code and apply our elaborate patch-plus script to it, and *wallah* you have the latest and greatest of FreePBX *plus* the latest and greatest of trixbox CE all in one interface.

Sinceramente trovo tutta la questione surreale. Perchè non contribuire direttamente al codice di FreePBX se le patch sono dirette esclusivamente alla correzione di bugs e all’aggiunta di nuove funzioni ? (specifico che entrambe sono rilasciate con licenza GPL), e se c’era bisogno di assumere persone “full time” perchè non “premiare” direttamente gli sviluppatori dell’ interfaccia grafica che ti permette di vendere cosi tanti centralini e ti ha fatto assumere a “punto di riferimento” del settore ?

Il mio punto di vista è ben riassunto dalla risposta di un utente:

So basically this fork is so Fonality can brand the work of others as their own. Again.

Personalmente non prevedo un futuro roseo per l’azienda se questa va in “rotta di collissione” con chi gli sviluppa il “cuore del sistema” (diciamocelo, il valore aggiunto di TrixBox è la gui grafica), e questo prescindendo dalle scelte assurde fatte in passato che hanno contribuito a rendere il pbx sempre più “elefantiaco” ed avido di risorse.
Non a caso sempre più utenti-entusiasti (penso a Nerd Vittles ad esempio) stanno lentamente riconvertendosi ad altre soluzioni: PBX-in-a-Flash ed Elastix su tutte.

Commenti

commenti


I commenti all'articolo

Non ci sono ancora commenti for “Fonality (i proprietari di TrixBox) tagliano con FreePBX (interfaccia grafica)”

Lascia un commento

Devi essere autenticato per lasciare un commento.