// Stai leggendo ...

Dietro le quinte

Intervista esclusiva a Nick Galea, CEO di 3CX

Pubblichiamo con sommo piacere un intervista esclusiva che Nick Galea, CEO di 3CX ha rilasciato per il nostro blog. 3CX, per quanti non ne fossero a conoscenza, è un azienda molto attiva nello sviluppo dell’omonimo centralino software basato su piattaforma windows; centralino di cui abbiamo avuto modo di parlare diverse volte in passato. L’ intervista spazia da argomenti strettamente correllati all’offerta della software house ad altri inerenti il voip in generale. Spero sia di vostro gradimento!!


Ci introduce in poche righe al vostro centralino 3cx e ci presenta il team che lavora “dietro le quinte” allo sviluppo di questo pbx ?

La 3CX è un’azienda internazionale che sviluppa software per telecomunicazioni. La compagnia è incentrata sulla fornitura di un innovativo centralino VOIP basato su software per il mercato delle piccole e medie imprese ad un prezzo abbordabile: Il 3CX Phone System per Windows. Il nostro premiato prodotto rimpiazza completamente i PBX hardware proprietari; Esso è interamente basato sullo standard SIP e può quindi dialogare con i maggior telefoni SIP, gateway e provider VOIP.

3CX è un partner certificato Microsoft “Gold”, con uffici in sei paesi e un management e un team di sviluppo che ha molti anni di esperienza lavorativa con le infrastrutture di rete e software di telecomunicazioni.

Quali sono le novità introdotte con l’ultima versione del centralino e in che direzione spingerete lo sviluppo ?

Il nostro team di sviluppatori ha incorporato 10 nuove caratteristiche chiave nell’ultima versione del centralino 3CX in sole 20 settimane di lavoro. Questo incredibile susseguirsi di nuove caratteristiche e versioni è qualcosa che può essere solo vista con PBX basati su software.

Le ultime caratteristiche chiave del 3CX includono: conferenza audio, supporto per Windows 2008 server, radio avviso, citofono, supporto per gateway VegaStream, operabilità migliorata SIP, BLF e approvvigionamento automatico centralizzato della rubrica, fax (inviati con Microsoft Fax) e API HTTP estese.

All’inizio ero molto stupito dall’idea di sviluppare un centralino voip per piattaforma windows visto l’elevato utilizzo di soluzioni unix in ambito server e visto l’ottimo successo di Asterisk. Ci spiega le ragioni alla base di tale scelta e i vantaggi che pensa siano derivati dalla vostra soluzione ?

Una volta che una compagnia decide di voltare pagina dal loro PBX tradizionale e spostarsi sulla telefonia IP, ci sono molte ragioni per la quale è meglio scegliere un PBX basato su Windows al posto di un’ alternativa Linux.

Prima di tutto, la maggior parte delle medie e piccole imprese hanno già una rete basata su Windows, e soluzioni basate su Windows come il 3CX permettono di fare girare il loro PBX su i loro server. Adottare Asterisk su Linux significherebbe dover aggiungere ancora una’altro apparecchio.

Va aggiunto anche che una soluzione basata su Windows è molto più semplice da installare, configurare e gestire – il PBX è gestito usando strumenti già familiari agli amministratori di rete. Non c’è bisogno di imparare Linux ed eseguire aggiornamenti complicati.

Inoltre, dal punto di vista dell’utente, il 3CX Phone System per Windows può essere integrato con molte applicazioni aziendali. Molte aziende usano già applicazioni Windows e per guadagnare produttività e caratteristiche addizionali, esse necessitano di integrare il loro PBX con queste applicazioni. Il metodo più semplice per fare questo è quello di far girare il loro PBX sulla stessa piattaforma.

Quale pensa possano essere gli sviluppi futuri del vostro centralino e cosa chiede maggiormente la vostra utenza (videochiamate, maggior facilità di gestione ed installazione, auto provisioning ….) ?

Noi stiamo già fornendo un set di caratteristiche molto ricco che include conferenza audio e approvvigionamento automatico. Il nostro scopo, che guarda in avanti, è di integrare il 3CX Phone System per Windows con più applicazioni aziendali, e di rendere più facili i processi di configurazione ed installazione. Noi integreremo anche il nostro IP PBX con le applicazioni gestionali di Microsoft.

Riteniamo inoltre che Hyper V su Windows 2008 sarà la causa di una grande cambiamento da PBX hardware a PBX basati al 100% su software e il nostro prodotto già supporta Windows 2008 server.

Quali sono le principali differenze tra le diverse versioni del vostro centralino e quali benefit derivano dal preferire la versione commerciale rispetto a quella gratuita ?

3CX Phone System è disponibile in quattro versioni, le quali supportano un numero illimitato di interni. L’edizione gratuita può gestire otto chiamate simultanee e viene fornita con molte caratteristiche avanzate come la casella vocale e l’IVR. La versione Small Business supporta fino a 8 chiamate contemporanee, la versione Pro fino a 16, e la versione Enterprise fino a 32. Le versioni commerciali hanno un set di caratteristiche aggiuntivo, e la capacità di chiamate può essere espansa con i pacchetti di aggiornamento.

Alcune delle più esclusive caratteristiche avanzate delle versioni commerciali sono la presenza (possibilità di vedere se l’utente è in linea), la chiamata per nome, la rubrica centralizzata, l’approvvigionamento dei telefoni, il fax integrato, le code di chiamata, il MWI, il monitor delle code, l’integrazione con MS Outlook e il portale utente. Una lista completa delle differenze tra la versione gratutita e le versioni commerciali è disponibile su: http://www.3cx.com/phone-system/edition-comparison.html

“Siete sensibili” alle richieste della vostra utenza pervenute attraverso il forum o altri canali e quanto influenzano le vostre scelte di sviluppo i feedback ricevuti dai vostri utenti ?

Sì, noi siamo estremamente sensibili alle richieste degli utenti. Noi monitoriamo i nostri forum e ascoltiamo i suggerimenti dei nostri partner. Noi abbiamo anche una chiara visione di dove vogliamo che il 3CX vada; da adesso i ritorni che riceviamo dai differenti canali vengono integrati, dove possibile, per aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi.

Per esempio, da quando il 3CX Phone System per Windows è basato sullo standard SIP, esso colloquia con i maggiori telefoni SIP, gateway VOIP e provider VOIP. In molti casi, i nostri partner creano pacchetti o bundle per fornire ai loro clienti un completo sistema telefonico. I loro suggerimenti per gli equipaggiamenti VOIP e/o provider VOIP che possono completare il nostro software sono spesso presi in considerazioni per i test di interoperabilità.

Credete che l’ “Unified Communications” (voip, instant messaging, presence online in real time…) sia la “chiave di volta” per aumentare la produttività e superare la concezione “tradizionale” di centralino (strumento per fare e ricevere telefonate) e voi alla 3cx pensate di perseguire questa strada ?

Unified Communications è un termine che significa cose diverse per persone diverse. La cosa che sappiamo è che le aziende vogliono un sistema telefonico con più caratteristiche le quali migliorino la mobilità. E questo è esattamente cosa il 3CX Phone System per Windows ha da offrire.

La presenza gioca un ruolo importante nel trasformare il PBX in uno strumento che aiuti le aziende a diventare più produttive. Il nostro prodotto viene fornito già con la caratteristica di presenza ed è un PBX che usa il VOIP, ma ha anche la versatilità di maneggiare le linee telefoniche tradizionali.

Mi ha particolarmente stupito la cura, la precisione e la completezza delle vostre guide e manuali (anche in italiano). Questo ambito è sempre piuttosto trascurato in ambito opensource. 3CX crede che anche l’assistenza post vendita sia un fattore importante per fidelizzare e aumentare la propria utenza e quali sono i canali di supporto che offrite (sia gratuiti che a pagamento) ?

L’ Open source spesso non prende in considerazione il costo del tempo delle persone. Quando un’azienda decide di implementare il VOIP, essi vogliono farlo velocemente ed in modo efficiente dato che il tempo dell’amministratore costa denaro.

I manuali e il supporto tecnico 3CX’, così come, la sua interfaccia amichevole, permettono alle compagnie di iniziare ad usare subito e velocemente il VOIP; salvando a loro tempo e denaro.

Pensa che l’assenza di hardware compatibile con windows (schede voip: isdn bri, isdn pri …) possa aver in qualche modo frenato il successo della vostra soluzione “windows based” dal momento che potrebbe indurre chi ha già comperato tale hardware a non provare la vostra soluzione e pensa si potranno fare passi avanti da questo punto di vista?

Quello che stiamo vedendo è che le compagnie che costruiscono interfacce Asterisk stanno sviluppando driver per il 3CX Phone System per Windows. Un esempio è Sangona, la quale sta attualmente conducendo test di interoperabilità con il nostro prodotto.

Ma la tendenza generale è un importante passo verso i gateway VOIP e lontano dai drivers, e questo è dovuto al fatto che i gateways VOIP sono superiori alle schede aggiuntive per diversi motivi:

Con un gateway VOIP è possibile scaricare il processo di conversione da analogico a digitale ad una scatola separata
E’ possibile ottenere un alta qualità della cancellazione dell’echo senza dover comperare un modulo apposito
I gateways VoIP sono indipendenti dal sistema operativo. Questo significa che non bisogna caricare driver aggiornati quando si aggiorna Windows e non ci deve preoccupare quando vengono installati service pack o aggiornamenti Windows
E’ possibile aggiungere più linee senza dover aprire il server, installare le schede e i drivers

Si vocifera (anche se ormai penso sia una “mezza certezza”) che presto anche Microsoft investirà massicciamente in ambito pbx commercializzando una propria soluzione. Cosa pensate della competizione in un settore (pbx windows based) in cui finora siete stati monopolisti “de facto” e siete intimoriti del confronto con questo “colosso IT” ?

Il mercato delle telecomunicazioni è enorme e noi pensiamo che c’è spazio per molti ‘giocatori’. Il fatto che la stessa Microsoft sta entrando in questo mercato è una buona notizia e conferma le potenzialità del mercato e aiuta ad aumentare la consapevolezza ed ad educare i consumatori sui benefici della telefonia basata su software.

Comunque, noi confidiamo che possiamo costruire una miglior e più competitiva soluzione. Microsoft è ancora abbastanza indietro nel suo sviluppo e non ha un percorso formativo nelle soluzioni di telecomunicazioni. Aggiunto a ciò, non dimentichiamo che il più recente prodotto lanciato da Microsoft ha visto solo un successo misto.

Il nostro blog si rivolge principalmente ad utenza italiana. Storicamente il nostro paese è sempre stato piuttosto “arretrato” nel recepire l’evoluzione della rete. Quale è la penetrazione del vostro centralino nel nostro mercato? Quale è il mercato in cui avete maggiormente successo e pensa che alla base di tale discrepanza ci possano essere ragioni “strutturali” (bassa informatizzazione, copertura adsl scarsa o comunque non di ottima qualità….) ?

L’ Italia è un importante mercato per il 3CX e la nostra esperienza è positiva. Noi siamo già riusciti ad entrare nel mercato con partner di rete molto forti e il prodotto è stato ben accolto.

Altri mercati chiave sono USA, Germania, Regno Unito, Francia e Spagna. Comunque, il nostro prodotto è commercializzato a livello mondiale attraverso sei uffici internazionali, più di 650 distributori e rivenditori in tutto il mondo, e il sito web 3CX è presente in 26 lingue.

Mentre nel comparto business (o aziendale) la tecnologia voip sembrerebbe aver trovato la propria dimensione, lo stesso non penso si possa dire per il ramo domestico/soho dominato da offerte commerciali tutte uguali e improntate ad offrire traffico voip “low cost”. Quali pensa possano essere gli sviluppi futuri di questo settore e come e se il centralino 3CX pensa di potersi ritagliare uno spazio anche in queste istallazioni ?


L’industria delle telecomunicazioni è in evoluzione nel suo insieme e io credo che questo avrà un effetto anche nel futuro mercato delle telecomunicazioni per il ramo domestico/soho.

Tuttavia, la principale concentrazione della 3CX è sul mercato del IP PBX e lo sviluppo di una innovativa soluzione basata su Windows per le piccole e medie impreses (PMI) è quello che noi facciamo. Diversamente da altre compagnie che espando i loro sforzi in molti prodotti e mercati, noi siamo concentrati nel fornire una innovativa soluzione VOIP che si evolve con le necessità delle piccole e medie imprese.

Quanto pensa che il voip sia gia una tecnologia matura ed affermata per poter soppiantare completamente la telefonia tradizionale ?

Sì, noi abbiamo visto il mercato maturare tremendamente durante gli ultimi due anni. In particolare, c’è stata un’evoluzione notevole nelle attrezzature VOIP – telefoni, gateway ecc.

Io credo che, con l’uso di attrezzature e provider VOIP di qualità abbinati ad un supporto professionale, la soluzione offerta sia abbastanza matura da rimpiazzare completamente i tradizionali sistemi telefonici proprietari.

Pensa che l’offerta di pbx web hosted (ex. pbxes ecc ecc) possa essere uno sviluppo percorribile per questa tecnologia e 3cx pensa di offrire qualcosa al riguardo in futuro ?

Le soluzioni host (a noleggio) possono portare maggiori problemi per le aziende che soluzioni. Per esempio, se la connessione internet è giù, anche il sistema telefonico non sarà disponibile. Anche le soluzioni host possono incorrere in costi elevati di banda e avere configurazioni complicate.

Inoltre, una recente ricerca in Germania su circa 1000 PMI ha dimostrato che solo il 4% delle compagnie prenderebbero in considerazione l’uso di un PBX a noleggio. Io penso che questo indica in via definita che c’è un mercato per il PBX a noleggio, ma molte compagnie preferiscono una soluzione propria. E se le aziende investono in una soluzione ‘dentro casa’, sicuramente vogliono che essa sia facile da installare, configurare, gestire ed usare. Queste sono esattamente le cose che la 3CX fornisce.

Se vuole può precisare qualunque altra cosa io abbia omesso di chiederle.

C’è una ricchezza di informazioni sul nostro prodotto e su domande VOIP in generale all’indirizzo: www.3cx.it. E controlla come la 3CX è rapida nel rilasciare un’altra versione del 3CX Phone System per Windows.

Commenti

commenti


I commenti all'articolo

3 commenti for “Intervista esclusiva a Nick Galea, CEO di 3CX”

  1. > Non c’è bisogno di imparare Linux ed eseguire aggiornamenti complicati.

    Non mi pare che con trixbox sia necessario “imparare linux” nè tantomento “eseguire aggiornamenti complicati”.

    Commentato da erasmusjam | agosto 7, 2008, 11:15 |
  2. Vero, in effetti una domanda su trixbox gliela avrei potuta fare…peccato non mi sia venuta in mente :P

    Commentato da skumpic | agosto 9, 2008, 12:57 |
  3. Per quanto apprezzi e rispetti il lavoro svolto da 3CX, c’è da dire chead oggi asterisk lo si può integrare/installare anche su sistemi un po’ fuori dalle righe, tipo router e nas, il che lo svincola dall’uso di un vero e proprio pc, dedicato o meno che sia, e questo è un enorme vantaggio. Senza considerare che c’è una versione di asterisk anche per windows….
    Oltretutto, dirigersi solo verso l’utenza windows da parte di 3CX sarebbe un po’ come negare l’esistenza del mondo opensources, che invece sta prendendo sempre più campo, e non vorrei che questo gli si ritorcesse contro….
    Mi spiace fare questa domanda, e non so se 3CX risponderà, sia direttamente che indirettamente, ma attualmente il loro software riesce a funzionare su sistemi con soli 32MB di ram? (sistema operativo compreso).
    Purtroppo sono considerazioni che vanno fatte, visto che esistono :P

    Commentato da Tokka | agosto 9, 2008, 16:42 |

Lascia un commento

Devi essere autenticato per lasciare un commento.