// Stai leggendo ...

Recensioni Hardware

Recensione Siemens OptiPoint 150S

Oggi recensiremo il Siemens OptiPoint 150S telefono IP entry level nato a completamento della linea BizIP della casa tedesca. Apparecchio dal design tradizionale e solido, capace di abbinare alcune funzioni interessanti ad un prezzo realmente concorrenziale.


Il Siemens OptiPoint 150S è un telefono destinato ad un utenza SOHO (small business) o ufficio che a prima vista si presenta con uno stile sobrio e lineare.

Di fattura robusta e (almeno all’apparenza) resistente ha una forma leggermente rialzata che ne facilita l’utilizzo mentre si è seduti alla scrivania.

Il “look and feel” è abbastanza tradizionale: oltre al tastierino numerico è presente un display a 2 linee in bianco e nero, 10 tasti funzione ed i pulsanti che permettono di gestire il volume della cornetta o passare la chiamata in vivavoce.

Tutto è facilmente accessibile anche se la pulsantiera lascia piuttosto a desiderare in quanto a sensibilità al contatto, non dando mai la chiara sensazione di rispondere correttamente alla pressione.

Questo problema, in massima parte riconducibile alla scelta di utilizzare plastica “soft touch” per i tasti, è il principale limite ergonomico riscontrato nella nostra prova.

Sul retro del telefono è presente la presa LAN ed i supporti per montare l’ OptiPoint a muro.

PRIMA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE:

Il telefono è completamente gestibile da interfaccia web o tramite tastierino numerico.

Purtroppo la scarna documentazione a corredo non ne rende facilissimo il primo approccio: infatti, sebbene l’apparecchio successivamente si riveli di semplice installazione e configurazione, l’assenza di qualunque informazione può sviare l’utente alle prime armi (sarebbe bastato un semplice flyer).

Una volta alimentato e connesso al router verrà automaticamente assegnato all’apparecchio un indirizzo IP tramite DHCP attivato di default.

A questo punto è possibile passare ad impostare i propri parametri di rete e telefonici. Qualora desideraste utilizzare la pulsantiera vi rimando alla guida amministratore Siemens.

La configurazione tramite interfaccia web risulta ovviamente più intuitiva e veloce rispetto quella manuale: è sufficiente aprire il proprio web browser puntando l‘indirizzo IP assegnato dal router e quindi inserire username e password (user: admin – password: 123456).

La struttura dell’ interfaccia, come da tradizione Siemens, è ridotta all’osso: sono presenti 5 macroaree a loro volta suddivise in sottosezioni, ognuna delle quali ha poche voci in modo da scongiurare qualunque forma di sovrappopolazione dei menu.

In Network è possibile attivare o disattivare il DHCP ed impostare i parametri relativi il QOS, in SIP Setup invece vengono gestiti i parametri per la registrazione del telefono al centralino pbx o al provider sip nonchè quelli relativi lo STUN server, in Phone Setup si ha accesso alle impostazioni relative i codec, i toni dtmf ed è possibile specificare un dialplan in modo da restringere il noverodelle numerazioni raggiungibili o aggiungere automaticamente una preselezione alle chiamate in uscita, in User Setup invece è possibile localizzare il proprio telefono per simulare la linea italiana, scegliere una suoneria (tra le 16 disponibili) ed attivare le funzioni di chiamata (sono presenti tutte quelle più comuni: avviso di chiamata, trasferimento, conferenza a tre, pausa, inoltro, do not disturb, suonerie personalizzate in base al chiamante).

Infine Utilities permette la completa amministrazione dell’apparato combinando gestione della rubrica, backup delle impostazioni, aggiornamento firmware e provisioning (configurazione remota).

QUALITA’ DEL PARLATO:

Una volta configurato un account di prova siamo rimasti piacevolmente sorpreso dalla qualità del parlato.

La comunicazione è sempre stata “pulita” ed anche in caso di “accavallamento” degli interlocutori la soppressione dell’eco ha fatto in modo che non si potessero avvertire ritorni di cuffia o altri rumori di sottofondo. La possibilità di gestire il volume direttamente da tastiera poi rende possibile correggere immediatamente eventuali imperfezioni.

PUNTI DI FORZA:

Sebbene il telefono appartenga ad una fascia entry level sono presenti diverse funzioni che lo rendono appetibile anche per una platea maggiormente esigente: la rubrica telefonica è facilmente raggiungibile grazie al tasto dedicato e può contenere fino a 100 contatti, sono presenti tutti i più comuni codec (G711, G729, G723) ed inoltre il telefono supporta sia la modalità SIP via UDP che SIP via TCP (utile per quanti sono dietro reti nattate).

Affatto secondario poi il pieno supporto al QOS, funzione spesso assente anche in prodotti maggiormente blasonati, in modo da prioritarizzare i pacchetti voce per garantire sempre la miglior qualità possibile del parlato.

La soppressione dell’eco e un abbondante jitter buffer (ben 300ms contro i tradizionali 100) fanno il resto.

Quale vera e propria chicca sono poi presenti tutti i valori di linea italiani, permettendone la completa configurazione in pochi istanti.

CONCLUSIONI:

Un ottimo prodotto che pare non sentire il peso degli anni, ideale sia per installazioni in realtà grandi (grazie all’ auto-provisioning non è necessario replicare la configurazione più volte per ogni singolo apparecchio) che nel piccolo ufficio.

Il completamente ideale per il centralino della linea BizIP ma capace di non sfigurare anche in accoppiata con un pbx Asterisk.

Ottima documentazione a corredo e completamento dell’articolo è reperibile nella wiki ufficiale di Siemens (in cui oltre ai manuali completi troverete anche alcuni case story, tutti i firmware, alcune utili FAQ e consigli per i sistem admin).



http://blog.liberailvoip.it/wp-content/uploads/out.flv

Commenti

commenti


I commenti all'articolo

2 commenti for “Recensione Siemens OptiPoint 150S”

  1. mmmh… sarei curioso di testarlo e vedere se riesce a essere concorrenziale con uno snom300..

    qualcuno hai gia fatto un confronto?

    Commentato da Fabio | gennaio 7, 2009, 19:02 |
  2. Mi dispiace, che me lo sono dimenticato a casa ma avrei potuto fare un confronto con il 320.

    Commentato da Michele | gennaio 8, 2009, 11:25 |

Lascia un commento

Devi essere autenticato per lasciare un commento.