// Stai leggendo ...

Hardware

[Acer Aspire One]: Moblin, come aggiungere altro software e repository alla distribuzione

Moblin, neonata creatura di casa Intel già in grado di far parlare molto di se grazie a ridottissimi tempi d’avvio del sistema. Kernel ottimizzato, icc, nuove applicazioni per questa distribuzione pensata per MID e Netbook. Vediamo come aggiungere alcuni repository esterni (quelli di Fedora 10) per installare tonnellate di software e poterne sfruttare a pieno le potezialità

Moblin è una distribuzione linux pensata e sviluppata direttamente da Intel per il neonato e crescente segmento MID e Netbook, balzata recentemente all’onore delle cronache per le impressionanti prestazioni garantite dal sistema in fase di avvio (indicativamente soli 16 secondi per avere un sistema pienamente funzionante).

Basata sulla release 2.6.29-rc2 del kernel, ottimizzata per le cpu Atom di casa Intel, equipaggiata con la versione 1.6 di Xserver e capace di offrire una esperienza piacevole all’utente grazie alla presenza di trasparenze e compositing è stata ottimizzata e testata per funzionare perfettamente e “out of the box” con alcuni tra i devices “ultraportatili” che hanno avuto più fortuna sul mercato: Acer Aspire One, eeePC, Dell Mini e MSI Wind.

Gran parte delle prestazioni “da sballo” sono dovute ad una serie di patch scritte da alcuni sviluppatori Intel ( il ramo git era denominato “fastboot”), all’utilizzo del compilatore icc nonchè all’adozione della tecnologia sreadahead in sostituzione del più testato readahead.

Ma Moblin è molto di più di una distribuzione che semplicemente “reinventa la ruota” abbinando un kernel ottimizzato ad una interfaccia grafica: Intel infatti sta sviluppando “in casa” tutta una serie di interessanti applicazioni che vanno dalla gestione unificata delle connessioni di rete, al PIM, alla messaggistica istantanea fino al controllo degli accessi e alla gestione dei propri dati in rete (tutte basate sul framework Hildon e quindi facilmente “portabili” su altre piattaforme, quali ad esempio la Maemo di Nokia).

Tutto molto bello, interessante MA SPERIMENTALE !!!

Molti infatti lamentano l’impossibilità di utilizzare Moblin già ora in ambito produttivo o comunque con una certa regolarità: questo è solo in parte vero perchè se da un lato la distribuzione preinstalla solo un numero di applicazioni minimale (d’altro canto siamo ancora in fase alpha) dall’ altro molti ignorano la possibilità di colmarne le lacune ricorrendo agli sterminati repository di Fedora !!!

La distribuzione Intel infatti deriva da quella sponsorizzata da RedHat.

Per poter dunque installare quanto più ci aggrada non dovremo fare altro che andare a modificare il file:

mousepad /etc/yum.repos.d/fedora.repo

andandoci ad inserire quanto segue:

[fedora]
name=fedo $releasever - $basearch
failovermethod=priority
baseurl=http://download.fedora.redhat.com/pub/fedora/linux/releases/10/Everything/i386/os/
enabled=1
gpgcheck=0

Dopo un refresh saremo pronti ad installare la totalità dei programmi disponibili per Fedora 10: questi ovviamente saranno compilati “genericamente” per l’architettura i386 e dunque non perfettamente ottimizzati per la cpu del nostro Netbook, ma ci permetteranno comunque di svolgere tutte le operazioni ed attività più comuni.

Personalmente sto utilizzando Moblin già da un paio di giorni sul mio Aspire One e ne sono rimasto piacevolmente impressionato: il desktop XFCE è veloce e reattivo, il compositing è ben calibrato, sobrio e non pregiudica le prestazioni generali della macchina. L’unica nota dolente è l’impossibilità di far funzionare “a caldo” il lettore di schede destro del portatile (manca il modulo pciehp), problema che comunque non è stato pienamente risolto nemmeno nelle ultime release di altre distribuzioni (ad esempio io non sono mai riuscito a far leggere una mmc card senza che nel lettore sinistro fosse stata precedentemente inserita una SD).

PS. Per installare Moblin è sufficiente utilizzare l’Image Writer utilizzabile seguendo le istruzioni fornite dallo sviluppatore o alternativamente utilizzare uno dei tool ormai disponibili per molte distribuzioni (ad esempio quello rilasciato per le immagini di Ubuntu Netbook Remix)

Commenti

commenti


I commenti all'articolo

3 commenti for “[Acer Aspire One]: Moblin, come aggiungere altro software e repository alla distribuzione”

  1. [...] ricchi di animazioni flash, la dotazione software limitata (vi ricordo che comunque è possibile utilizzare anche i repository di Fedora in aggiunta a quelli Intel),  ne sconsigliano l’utilizzo [...]

    Commentato da Moblin beta, recensione della distro perfetta per Acer Aspire One e netbook | Libera il VoIP | | maggio 25, 2009, 10:28 |
  2. l’ho scoperto ieri sto’ usando la finale 2,1 nessun intoppo, devo dire fantastico sto moblin,
    certo ci si dve un po’ abituare al cambiamento grafico e sopratutto alla mancanza del tasto DX.

    ma volevo far sapere che non si riesce ad aprire il file dei repo come previsto con il comando mousepad /etc/yum.repos.d/fedora.repo ovviamente da terminale, fatemi sapere e buon divertimento a tutti.

    Commentato da lodovico | novembre 6, 2009, 02:59 |
    • ciao Ludovico, io ho scoperto la release finale 2.1 solo oggi e penso che la andrò a provare nel pomeriggio.
      Appena faccio qualche “esperimento” volto ad aggiungere nuovamente i repository di fedora passo ad aggiornare l’articolo :)
      Sperando di riuscirci ovviamente :P

      Commentato da skumpic | novembre 6, 2009, 16:02 |

Lascia un commento

Devi essere autenticato per lasciare un commento.