// Stai leggendo ...

LiberailVoip

Come azzerare i costi di roaming internazionale con Liberailvoip

Avete mai pensato alla possibilità di combinare i diversi servizi offerti da Liberailvoip per andare ad azzerare quasi completamente (anche -98%) i costi di roaming internazionale e. perchè no, trasformare le vostre chiamate dall’estero verso l’Italia in economiche chiamate locali? Ecco alcuni esempi pratici: il risparmio è assicurato ….


Quando abbiamo “creato” Liberailvoip volevamo contribuire ad aiutare, nel nostro piccolo, quanti cominciavano ad affacciarsi al “mondo del voip” a superare alcune delle limitazioni che gli operatori telefonici “tradizionali” da decenni imponevano ai consumatori finali e che lentamente sembravano riproporsi anche tra i nuovi gestori della fonia voip che andavano ad affermarsi e a guadagnare fette sempre più ampie di questo neonato segmento (Skype aveva da poco ritoccato le proprie tariffe skypeout e gtalk nemmeno supportava il traffico voce).

Probabilmente, nonostante la buona volontà e l’impegno, non siamo ancora riusciti a realizzare moltissimi dei nostri originari propositi e molta strada rimane da percorrere ma “qualcosa di buono” lo si ha già ” tra le mani” anche se magari non lo si è sufficientemente spiegato/pubblicizzato: proviamo dunque ad invertire questa tendenza illustrando come sia possibile azzerare completamente i costi di roaming con Liberailvoip.

Parliamo di roaming ogniqualvolta il nostro cellulare per effettuare e ricevere chiamate, sms e navigare in internet si aggancia ad una rete di un’ operatore terzo, normalmente straniero, sfruttandone l’infrastruttura.
Questo di regola comporta un aggravio delle condizioni contrattuali applicate che si ripercuote sulle tariffe: in breve, oltre a pagare di più per chiamare i vostri cari pagherete anche per ricevere.
Se avete mai utilizzato il vostro cellulare all’estero sapete certamente a cosa ci riferiamo.

E’ possibile risparmiare qualcosa in attesa che la UE azzeri completamente questo “balzello” in nome della più ampia concorrenza possibile?
Certamente, grazie alla infrastruttura di Liberailvoip che ci permette di combinare le più ghiotte offerte che gli operatori mobili normalmente destinano esclusivamente al traffico nazionale !!

E’ sufficiente acquistare una sim telefonica locale che utilizzeremo per tutta la nostra permanenza nel paese in cui ci troviamo per  lavoro o svago, mentre le chiamate ricevute al nostro numero di telefonino italiano verranno inoltrate a Liberailvoip e da qui ridirezionate alla nostra nuova sim “temporanea”.

NUMERO ITALIANO -> LIBERAILVOIP -> NUMERO ESTERO TEMPORANEO

Realizziamo un esempio concreto:

A) Per prima cosa registriamo un account Eutelia o Messagenet su Liberailvoip in modo da poter disporre di un numero geografico italiano a cui ricevere le chiamate provenienti dal nostro cellulare TIM/VODAFONE/WIND/TRE (guida).

B) Impostiamo il trasferimento di chiamata dal nostro numero di cellulare al numero Eutelia o Messagenet appena registrato. E’ sufficiente digitare la stringa:
**21*N# invio (N è il numero verso cui si vogliono trasferire le chiamate in arrivo).
Ad esempio: **21*0424888888#
Questo passaggio deve essere effettuato quando la sim è ancora “agganciata” alla propria rete nazionale, onde evitare che l’operatore possa tariffare il traffico come generato dall’estero (lasciate la vostra sim a casa o mettetevela in un taschino andandola ad utilizzare solo in caso di necessità!).

C) Ora ridirezioniamo le chiamate da Liberailvoip alla nostra nuova “sim ospite”. Ovviamente questo ultimo passaggio lo andremo ad effettuare una volta acquistata (prima imposteremo la regola di trasferimento e poi il numero cui destinare la chiamata).

Ma si risparmia?

I numeri parlano chiaro! Prenderemo a metro di paragone il listino praticato da TIM, ben consci che in questo ambito le differenze tra diversi gestori sono minime.
Ipotizziamo un costo medio di inoltro da gestore mobile a numero fisso Eutelia/Messagenet di 10 cent/min (vedremo in seguito come sia possibile azzerarlo in alcuni casi) mentre per il ridirezionamento da Liberailvoip al numero mobile “temporaneo” ci affideremo a Poivy

Esempio 1) Germania.
Eurotariffa TIM = 22,8 cent/min
Liv = 10 cent/min + 8,9 cent/min = 18,9 cent/min  == 17% in meno
Liv 2 = 0 cent/min + 8,9 cent/min = 8,9 cent/min == 61% in meno

Esempio 2) Croazia
Tariffa TIM Zona 1 = 0,45 cent/min
Liv = 10 cent/min + 8,3 cent/min = 18,3 cent/min  == 60% in meno
Liv 2 = 0 cent/min + 8,3 cent/min = 8,3 cent/min == 81% in meno

Esempio 3) Turchia -volutamente non considero gli USA dato che sarebbe necessario tener conto anche del roaming interno-
Tariffa TIM Zona 2 = 1,45 EURO/min
Liv = 10 cent/min + 8,3 cent/min = 18,3 cent/min  == 87% in meno
Liv 2 = 0 cent/min + 8,3 cent/min = 8,3 cent/min == 94% in meno

Esempio 4) Brasile
Tariffa TIM Zona 3 = 1,9 EURO/min
Liv = 10 cent/min + 11,9 cent/min = 21,9 cent/min  == 88% in meno
Liv 2 = 0 cent/min + 11,9 cent/min = 11,9 cent/min == 93% in meno

Esempio 5) Russia
Tariffa TIM Zona 4 = 2,9 EURO/min
Liv = 10 cent/min + 4,8 cent/min = 14,8 cent/min  == 94% in meno
Liv 2 = 0 cent/min + 4,8 cent/min = 4,8 cent/min == 98% in meno

La simulazione non tiene in considerazione eventuali scatti alla risposta praticati dall’operatore mobile italiano dal momento che questi, essendo di norma previsti sia per le tariffe di roaming che per l’inoltro al numero geografico Eutelia/Messagenet, finirebbero per eliminarsi a vicenda ai fini del calcolo (che comunque resta approssimativo).

Inoltre il costo dell’inoltro da cellulare a numero geografico Eutelia/Messagenet è azzerabile (come riportato negli esempi denominati Liv 2) per alcuni operatori quali TIM e WIND grazie all’attivazione di specifiche offerte fruibili solo sul territorio italiano: TIMxTUTTI ITALYNOI TUTTI (nota doverosa: per TIM abbiamo verificato personalmente l’applicazione dell’agevolazione tariffaria anche nel caso di trasferimento di chiamata, per WIND ci limitiamo a constatarlo dalle note in calce all’offerta).

E per le chiamate originate dall’estero verso l’Italia ?

Grazie ai numerosi numeri di accesso locali messi a disposizione dalla rete INUM (coprono tutta l’Europa), cui Liberailvoip è affiliata, dovremo solo ricordarci di impostare il servizio gateway prima della nostra partenza.
A quel punto non dovremo fare altro che chiamare dalla sim “temporanea” il numero di accesso locale a noi più vicino trasformando anche le nostre chiamate internazionali in economiche chiamate locali.

Allora serve a qualcosa questo Liberailvoip, no?

Commenti

commenti


I commenti all'articolo

21 commenti for “Come azzerare i costi di roaming internazionale con Liberailvoip”

  1. Come al solito la cosa è stata illuminante!

    Commentato da Righetto | giugno 7, 2010, 17:19 |
  2. Non avevo notato la portata del VOIP fino a prima di leggere questo articolo.
    Non mi ero interessato a cercare niente sul trasferimento di chiamata all’estero, prima di ieri. Sarà culo? ;)
    PS la registrazione di una linea su liv richiede circa sei ore perchè è fatta manualmente? ne sono passate più di sei ma ancora gniente!

    Commentato da Francesco | giugno 8, 2010, 11:06 |
    • Ahaha sarai fortunato :D (speriamo non solo al gioco).
      Le sei ore sono una limitazione dovuta al fatto che al crescere delle utenze (ora oltre 10000) non riuscivamo più a tener “testa” ai costi del servizio (Liberailvoip è un progetto autofinanziato) garantendo la registrazione istantanea. Il differimento ci ha permesso di tagliare di parecchio le richieste hardware (“raggruppiamo” le richieste ricevute nelle 6 ore antecedenti e le “serviamo” tutte insieme).
      L’inserimento è assolutamente automatizzato. Se il problema persiste puoi postare sul forum di assistenza forums.liberailvoip.it o mandarmi una mail con il form di contatto.

      Commentato da skumpic | giugno 8, 2010, 11:36 |
  3. Oltre a ciò si può usare il gateway Skype tutte le volte che una connessione ad Internet è libera.
    Ho da poco risparmiato un sacco di soldi dall’estero grazie a voi.

    Commentato da ubos | giugno 10, 2010, 14:32 |
  4. Miticoh! Ho risparmiato un pò di soldini telefonando dalla Croazia. Purtroppo non ho potuto testare il fatto di ricevere telefonate sul cellulare…

    Grandi!

    Commentato da Matteo Zaffo '80 | agosto 23, 2010, 18:17 |
  5. A mio avviso bisogna davvero analizzare bene caso per caso, perché a volte i costi potrebbero essere leggermente più alti. Il trasferimento dal cellulare “italiano” al numero di rete fissa al netto di promozioni specifiche, costa dai 10cent a 25cent al minuto. A questo aggiungiamo la chiamata da LIV al cellulare del paese straniero, che va (con Poivy) da 6/8 cent (es. UK, Egitto) a 20/25 cent (Tunisia, Marocco, etc). Quindi per ricevere le chiamate pagheremo dai 20 ai 50 cent al minuto, comunque un ottimo risultato. Ma non sempre riusciremo a comprare una SIM all’estero. E in questo caso si può fare dell’ottimo risparmio grazie a WiFi. Infatti molti telefoni sono dotati di WIFI e all’estero spesso la connessione è gratuita o a basso costo. Installando un programma che supporti SIP (es. Fring, Nimbuzz) è possibile abbattere decisamente i costi, telefonando dall’estero a tariffe locali sempre grazie a LIV (o ai provider veri e propri come Messagenet, NimbuzzOut, etc).
    Quest’estate proverò il client VOIP di Tiscali, il wiPhone, con cui spero di poter parlare verso l’Italia a 1cent al minuto.

    Commentato da salvio | agosto 24, 2010, 11:51 |
    • Prova in caso a prendere in considerazione il fatto di chiamare il numero INUM da un Gateway locale e di trasferire poi le chiamate da Liberailvoip a un fisso italiano quando non c’è nessuno collegato all’account di Liberailvoip… :-)

      Commentato da Matteo Zaffo '80 | agosto 24, 2010, 18:47 |
      • Premesso che in Tunisia non sembra esserci un gatawey locale, non ho ancora approfondito il tema INUM e non so bene come funziona e quali vantaggi ha.
        Ti viene dato un numero internazionale.. ma poi come lo uso? Come “mi collego” a quel numero? Se ho bisogno di una connessione wifi tanto vale usare LIV?

        Commentato da salvio | agosto 24, 2010, 23:24 |
        • Ciao Salvio, scusa se ti rispondo in ritardo. Da quel che ho capito leggendo il sito ufficiale in inglese di INUM (http://www.inum.net/) e gli articoli di questo blog, INUM è un numero internazionale che ti permette di essere chiamato facilmente sia direttamente da client Internet differenti (Gizmo5, Google Talk, Jajah Skype, Voipstunt, …) sia da telefoni fissi e cellulari tramite dei numeri di telefono locali.

          Personalmente ho usato INUM sul campo solo una volta, cioè in Croazia quest’estate come descritto nel commento principale. Lo spunto me lo ha dato l’articolo sopra riportato.

          Chiaro che, se hai con te un notebook/netbook/smartphone con scheda wifi, una connessione internet wifi e un client Voip installato, ti conviene usare LIV. Se no potresti usare Gmail aggiungendo il tuo numero INUM alla lista dei contatti chat (usa la forma 8835100xxxxxxxx@inum.net).

          Commentato da Matteo Zaffo '80 | agosto 26, 2010, 21:13 |
  6. “Come è andata a finire?”

    E’ andata a finire che nel villaggio dove sono andato in vacanza c’era una WiFi disponibile gratuitamente per i clienti. Tutti i client SIP erano però bloccati: non andava il wiPhone, Messagenet (che visualizzava solo il credito), Fring, etc. Unica soluzione usare SKYPE, che andava, come sempre. E con Skype ho chiamato gratis i contatti Skype e chiamato a pochi cents gli altri. Grazie poi a LiberaIlVoip sono stato in grado di ricevere le chiamate del mio numero SIP di Messagenet che era stato opportunamente ridiretto sul mio account Skype.

    Commentato da salvio | settembre 16, 2010, 18:31 |
  7. x Skumpik
    Ti spiego:

    Lavoro in un Internet Point (13pc) su linea Fastweb 7DL e 1UP + Phonecenter (10 cabine) su linea Eutelia 18DL e 1Up.

    Le cabine sono collegate su un pc configurato anni fà con asterisk che instrada le chiamate. Il DB usa diversi carrier a seconda della destinazione da quello che ho capito ma la linea non è sempre buona. (le destinazioni più chiamate sono ROMANIA, UCRAINA, ITALIA, CUBA, TUNISIA, MAROCCO e PAKISTAN)

    Io voglio acquistare un pc e installarci all’interno il nuovo Asterisk o quello da te proposto e usare magari un SOLO CARRIER o piu di uno a seconda delle tariffe. L’asterisk attuale non ha interfaccia grafica e per chi, come me, non conosce ancora il linguaggio, è un po dura.

    Se vuoi ti faccio uno schema dell’hardware e software del negozio..

    Commentato da alessandro | settembre 21, 2010, 17:37 |
  8. Mi piacerebbe seguire questa guida, peccato che effettuando l’iscrizione non mi arriva nessuna mail di conferma, ed ho provato con mail diverse :(

    Commentato da Maurizio | settembre 28, 2010, 19:29 |
  9. Parto per Parigi e dovrò trasferire le chiamate che ricevo su un cellulare in Italia!
    cosa mi conviene fare?
    se tengo il telefono spento pago il trasferimento come una chiamata internazionale?

    Commentato da barbara | novembre 16, 2010, 00:42 |
    • Impostare il trasferimento mentre si è qui in Italia, quindi spegnere il tel mentre si è all’estero (o più semplicemente lasciare la sim con cui si è impostato il trasferimento in un cassetto). L’importante è che la sim su cui hai impostato il trasferimento non si registri alla rete gsm straniera.

      Commentato da skumpic | novembre 16, 2010, 11:55 |
  10. seguendo i punti principali di questa guida, si riuscirebbe ad abbattere i costi del trasferimento di chiamata da fisso a mobile:
    FISSO—-(trasfermineto chiamata)–>numero eutelia—>provider voip conveniente per i mobili—–> MOBILE DESTINATARIO

    è possibile?

    Commentato da Marco | dicembre 16, 2010, 20:49 |
  11. Ciao a tutti!
    ho letto per caso il vostro intervento e volevo portarmi la mia esperienza personale! un amico ha la ragazza in Brasile e mi ha parlato di un sito che si chiama Jibtel (http://www.jibtel.com/it/it/) per fare delle chiamate senza rovinarsi all’estero!! in pratica, per quanto ho capito, ci si iscrive inserendo il proprio numero (cellulare o fisso) e si versa una piccola somma (tipo 5 euro) a quel punto si ha un conto e si inseriscono nella rubrica del proprio conto i numeri da chiamare a cui viene assegnato un numero di rete fissa del paese in cui si chiama. Questo ti permette di chiamare come se fossero in Italia! quindi se hai una tariffa flat per chiamare fissi paghi solo il credito Jibttel! altrimenti cmq conviene perché, si verrà scalato il credito con le tariffe del sito, ma allo stesso tempo paghi come una chiamata nazionale che per chiamare nel lontano Brasile non é male!!
    ragazzuoli si potrebbe risparmiare un bel pò credo! :)
    ecco le tariffe che ho trovato per il Brasile
    http://www.jibtel.com/it/it/telefonare-Cuba-prezzi-ridotti.html
    spero di essere stato utile!
    Ciaoooo

    P.S. Io ho scritto per chiamare dall’Italia in Brasile ma è possibile anche il contrario!! ecco il link http://www.jibtel.com/br/pt/ (in Brasiliano ovviamente :))

    Commentato da Giorgio Mariani | luglio 25, 2011, 10:45 |

Lascia un commento

Devi essere autenticato per lasciare un commento.